venerdì, Marzo 1, 2024

Nemo e i suoi simili sanno contare (e lo fanno per un buon motivo)

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

A quanto pare, Nemo sa contare. Un’abilità che usa per riconoscere i nemici da cui difendersi, che tra l’altro sono i suoi simili. I risultati di uno studio pubblicato su Journal of Experimental Biology, infatti, mostrano che i pesci pagliaccio della specie Amphiprion ocellaris, che presentano tre strisce bianche sul proprio corpo, tendono ad essere maggiormente aggressivi con gli esemplari che appartengono alla loro stessa specie (ma non alla loro stessa colonia). E gli esperimenti sembrano indicare che l’abilità nel distinguere una specie dall’altra sia proprio legata alla capacità di contare le strisce bianche presenti sul corpo dei propri simili.

Lo studio

Per cercare di capire come gli esemplari appartenenti alla specie Amphiprion ocellaris riescano a distinguere i propri simili dalle altre specie di pesci pagliaccio (o pesci anemone, nome legato al fatto che queste specie utilizzano gli anemoni come vere e proprie “case”), il gruppo di ricerca ha ideato e messo a punto due tipi di esperimenti. Nel primo i ricercatori hanno posizionato diverse specie di pesce anemone, ognuna caratterizzata da un diverso numero di strisce bianche sul corpo, all’interno di piccole teche in un una vasca contenente una colonia di Amphiprion ocellaris. Gli autori dello studio hanno poi osservato quanto spesso e quanto a lungo i pesci pagliaccio appartenenti a questa specie tendessero a scrutare e nuotare in circolo attorno alle diverse teche.

Nel secondo set di esperimenti, i ricercatori hanno invece messo la colonia di Amphiprion ocellaris a contatto con modellini di plastica rappresentativi delle diverse specie di pesci anemone, ovvero caratterizzati da un diverso numero di strisce (da zero a tre).

Non è solo la “quantità di bianco”

La frequenza e la durata dei comportamenti aggressivi nei pesci pagliaccio erano più alte verso i pesci con tre strisce come loro, mentre erano più basse verso i pesci con una o due strisce, e ancora più basse verso quelli senza strisce verticali”, racconta Kina Hayashi dell’Okinawa Institute of Science and Technology (Giappone), prima autrice dello studio. I ricercatori hanno ottenuto questo risultato in tutti e due i set di esperimenti messi a punto, sia quando sono stati utilizzati pesci pagliaccio “reali” che quando sono stati utilizzati i modelli in plastica. Questi ultimi non presentano, per ovvi motivi, altri tratti distintivi delle varie specie (comportamento, odore o altro) se non le strisce bianche dipinte sul corpo.

A questo punto sorgono spontanee due domande: ma i pesci pagliaccio non potrebbero riconoscere più semplicemente la maggiore quantità di colore bianco che caratterizza i pesci con un numero superiore di strisce? E poi, perché difendersi dai propri simili?

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Tanti nuovi set Lego in uscita oggi dalla F1 con Senna alla cabina telefonica londinese

Ci sono tanti nuovi set Lego pronti a debuttare oggi 1 marzo sullo store ufficiale, spaziando in praticamente ogni...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img