venerdì, Giugno 14, 2024

LockBit, le autorità internazionali fermano l'attività criminale

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Buone notizie sul fronte della sicurezza informatica internazionale. Un’operazione congiunta nota come “Operazione cronos” di Fbi (Usa), National crime agency (Uk), Europol (Eu) e altre agenzie di polizia ha portato ieri al sequestro del sito utilizzato dalla cybergang LockBit per estorcere denaro alle sue vittime, interrompendone di fatto l’attività criminale. “Possiamo confermare che i servizi di LockBit sono stati interrotti a seguito dell’azione delle forze dell’ordine internazionali: si tratta di un’operazione in corso e in via di sviluppo”, c’è scritto sul sito dei cybercriminali, che risulta contrassegnato dai sigilli delle forze dell’ordine di buona parte dei paesi del mondo, dall’Australia alla Germania.

Eppure, nonostante le autorità internazionali sembrino essere finalmente riuscite a fermare una delle cybergang più pericolose al mondo, in queste ore un rappresentante di LockBit ha fatto sapere su Tox, un’app di messaggistica crittografata, di essere in possesso di server di backup su cui le forze dell’ordine non sono ancora riuscite a mettere le mani. Un’affermazione preoccupante, che non ha ancora trovato alcuna conferma da parte dell’Fbi o delle altre autorità coinvolte nell'”Operazione cronos”. Nel caso però l’informazione fosse vera, LockBit si confermerebbe come uno trai gruppi criminali più letali di sempre. Negli ultimi mesi, infatti, la cybergang è riuscita ad attaccare alcune tra le più grandi organizzazioni al mondo, come l’Industrial and commercial Bank of China o il colosso medico Capital health. Inoltre, come se non bastasse, nel corso degli anni i criminali di LockBit sono riusciti a mettere a segno numerosi attacchi anche nel nostro paese, avvalendosi della collaborazione di “affiliati” a cui hanno concesso l’uso del proprio ransomware.

Insomma, nonostante l’azione delle forze dell’ordine internazionali si sia rivelata risolutiva, i cybercriminali di LockBit potrebbero tornare all’attacco molto presto. “È altamente improbabile che i membri principali del gruppo LockBit vengano arrestati come parte di questa operazione, dal momento che hanno sede in Russia”, ha dichiarato Allan Liska, un esperto di ransomware della società di sicurezza informatica Recorded future, alla Cnn. Eppure, il sequestro del sito web “significa che ci sarà un impatto significativo, anche se di breve durata, sull’ecosistema ransomware e un rallentamento degli attacchi”. Ora resta solo da vedere quanto durerà davvero questa tregua.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Biglietti low cost, quanto costa davvero un volo?

Altro che low cost: sommando al prezzo base quelli extra previsti per trolley, bagaglio in stiva e scelta del...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img