lunedì, Giugno 17, 2024

Cintura di sicurezza dimenticata nei nuovi spot del ministero dei Trasporti

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

In ogni video i ragazzi, che parlano con uno slang esasperato, mettono in scena alcuni comportamenti pericolosi al volante: il vizio di guardare lo smartphone al volante; le challenge sulla velocità, l’uso di droga (simboleggiata da uno spinello). A un certo punto lo spot arriva a un bivio, quello della “scelta” del titolo, e vengono mostrate in parallelo le opzioni: da un lato l’esito dei comportamenti pericolosi, come distrarsi alla guida guardando il cellulare, comporta un incidente fatale; dall’altro i comportamenti corretti, che si dovrebbero adottare quando ci si mette al volante, garantiscono sicurezza.

Nel primo episodio della serie, le ragazze che si distraggono nel guardare lo smartphone durante il loro tragitto sono vittime di un incidente. Nell’altra metà dello schermo, invece, la conducente non si lascia distrarre e non incorre nell’impatto. Tuttavia la ragazza che mostra all’amica lo smartphone non indossa la cintura di sicurezza. Come fanno anche le altre due amiche sedute ai sedili posteriori. Sbagliando.

Uno dei momenti in cui si intuisce che la ragazza al volante indossa la cintura di sicurezza.

Free

Una pesante assenza

Quella di non utilizzare la cintura di sicurezza anche nelle storie con esito “positivo” della campagna rischia di essere un’assenza grave nella comunicazione del messaggio di attenzione che si vuole trasmettere. Qualcuno potrebbe dissentire, sostenendo che, essendo una campagna sulla sicurezza in strada, l’obiettivo sia quello di mostrare tutte le pratiche scorrette e le tragiche conseguenze derivanti da questa scelta. C’è però da dire che allacciare la cintura di sicurezza è una delle primissime manovre che notano gli esaminatori di guida durante l’esame pratico per il rilascio della patente. In questa campagna del ministero dei Trasporti anche quando c’è, la cintura di sicurezza passa in secondo piano nello script del video: qualche volta c’è, molte altre no. Come accade per i blooper dei film.

In uno dei tre video, infatti, la ragazza al volante indossa effettivamente la cintura, ma quasi non si vede: forse sarebbe stato meglio cercare di sottolineare come questa corretta abitudine non permetta soltanto di viaggiare in legalità senza infrangere il codice della strada, ma sia letteralmente un salva-vita. Insomma, siamo d’accordo sulla scelta “realista” (o verosimile), ma se una campagna del ministero viene pensata con lo schema dicotomico “a specchio”, deve includere tutte le corrette pratiche al volte. Inclusa la cintura di sicurezza, che va indossata sempre. Sì, anche nei sedili posteriori.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Mappa, stiamo costruendo la più grande per prevedere e prevenire tutti i disastri naturali in Italia

Fragile, dai piedi d’argilla, scossa da terremoti, ad alto rischio vulcanico e soggetta a frequenti colate di fango. Questa...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img