lunedì, Aprile 22, 2024

In Giappone c'è un problema di sicurezza con i go-kart

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Al centro di un’area metropolitana da 37 milioni di abitanti, la più grande al mondo, Tokyo non suggerisce l’idea di essere il luogo ideale per sfrecciare in go-kart tra camion, taxi e autobus. Eppure quello del noleggio di questi veicoli, da guidare direttamente sulle strade urbane, è diventato negli ultimi tempi uno dei servizi più redditizi offerti dall’industria turistica del Giappone, arrivando solo nella capitale a sfiorare introiti intorno ai quindici milioni di euro. Una crescita che ha acquisito ulteriore slancio dopo le riaperture post-pandemiche e che ha, soprattutto, posto una sfida non indifferente per aspiranti piloti e comuni cittadini: quello della sicurezza stradale.

Quando la città è un autodromo

Come riportato dal Japan Times, nel 2023 solo a Tokyo si sono superate le cento segnalazioni alle autorità per violazioni del codice della strada e schiamazzi. Numeri che si affiancano a quelli degli scontri avvenuti tra go-kart e altri mezzi, una dozzina, e per fortuna ancora nessun ferito alla metà di marzo di quest’anno. Con le proiezioni sugli afflussi turistici in costante crescita, e ingressi record previsti per quest’anno, la polizia della prefettura ha deciso di inviare agli operatori del settore una richiesta di irrigidimento delle normative di sicurezza.

La dozzina di aziende coinvolte dal richiamo all’ordine ha risposto modificando i tracciati dei go-kart, evitando così aree residenziali, e introducendo alcuni divieti, tra cui quello dell’utilizzo del telefono durante la guida. Una mossa che potrebbe essere sminuita dal costante ingresso di nuovi operatori meno inclini al rispetto delle ultime restrizioni, sulla scia di una crescita che dai primi anni ’10 a oggi ha reso questa attività una delle più apprezzate dai turisti stranieri – non a caso in concomitanza con l’ingresso del Giappone nei circuiti del turismo di massa globale.

D’altra parte le strade giapponesi risultano essere tra le più sicure al mondo: lo scorso anno si sono registrati 2678 decessi per incidenti, un numero inferiore a quello italiano e reso ancora più significativo dal fatto che nel nostro paese la popolazione sia la metà di quella del paese asiatico. Guidare go-kart nelle grandi metropoli dell’arcipelago diventa così un’attività relativamente priva di pericoli, resa ancora più invitante dal fascino pop di questi mezzi (in particolare grazie all’industria videoludica) e dalla grande attrattiva sui social media di video che mostrano gli aspiranti piloti nei costumi più bizzarri. Anche se, negli scorsi anni, Nintendo ha fatto causa alle aziende di kart e ha impedito riferimenti espliciti a Mario Kart.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

L'intelligenza artificiale non sa fare ridere

Nel vasto panorama di capacità dell'intelligenza artificiale, l'umorismo sembra essere un terreno inesplorato. Di recente, sui social network stanno...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img