lunedì, Giugno 17, 2024

Trieste, trasformare un'ex raffineria in un parco per l'energia verde

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Trasformare un’ex raffineria di petrolio in un parco per l’energia rinnovabile. È questo il progetto dello studio internazionale di design Cra – Carlo Ratti Associati, che ha presentato un piano urbanistico per riqualificare l’area di un impianto petrolifero nella città di Trieste, Italia. Il progetto, sviluppato per il Porto di Trieste, prevede la conversione di serbatoi in “batterie d’acqua” come parte di un parco costiero di 365.000 metri quadrati, affacciato sul mar Adriatico in un punto finora inaccessibile del porto.

Al centro del progetto ci sono sei ex serbatoi di petrolio – ciascuno di essi ad un’altezza di 15 metri, per un totale di 110.000 metri cubi di capacità – che verranno trasformati in batterie d’acqua. In futuro, quando ci sarà bisogno di immagazzinare energia, l’acqua di mare verrà pompata nei serbatoi e trasformata in energia potenziale. Al contrario, quando servirà energia, l’acqua di mare immagazzinata verrà utilizzata per produrre energia idroelettrica, riversando l’acqua in mare. Il sistema funziona come una piccola centrale idroelettrica a pompaggio. La soluzione è completamente rinnovabile poiché l’energia necessaria per pompare l’acqua di mare è fornita da agrivoltaici – pannelli fotovoltaici elevati sparsi in un parco urbano accessibile al pubblico.

Una delle sfide più importanti di oggi è la trasformazione delle infrastrutture ereditate del XX secolo che abbiamo nelle nostre città“, commenta Carlo Ratti, socio fondatore di Cra e curatore della prossima Biennale Architettura 2025. E aggiunge: “Il nostro progetto a Trieste manifesta questa ambizione in modo sorprendente: gli stessi tubi che inquinavano l’ambiente possono ora alimentare la rivoluzione verde“. Il progetto è stato anche ispirato dall’ambizione del Porto di Trieste di ripensare il ruolo dei porti urbani come luoghi di innovazione condivisa. “L’infrastruttura energetica del futuro non dovrebbe essere nascosta alla vista del pubblico, come è successo in passato. Piuttosto, dovrebbe diventare parte della sperimentazione urbana, consentendo uno scambio di idee sui nostri percorsi di sviluppo futuri“, aggiunge Ratti.

Il piano urbanistico ricollega la città di Trieste con il Comune limitrofo di Muggia. Oltre alle strutture energetiche, il progetto include aree verdi, fattorie urbane e un Innovation Park con un centro di ricerca biotecnologica.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Mappa, stiamo costruendo la più grande per prevedere e prevenire tutti i disastri naturali in Italia

Fragile, dai piedi d’argilla, scossa da terremoti, ad alto rischio vulcanico e soggetta a frequenti colate di fango. Questa...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img