lunedì, Giugno 24, 2024

Israele, l'ennesimo verdetto della Corte internazionale di giustizia contro la guerra

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

La Corte internazionale di giustizia emetterà una nuova sentenza sulle operazioni di Israele durante la guerra a Gaza alle 15 di venerdì 24 maggio, con gli Stati Uniti che hanno fatto trapelare preoccupazione per l’isolamento diplomatico crescente di Israele. In attesa della sentenza della Corte di giustizia, che potrebbe ordinare un’interruzione dell’offensiva di Israele, un altro importante tribunale globale, la Corte penale internazionale, ha identificato i tre giudici che esamineranno la richiesta di mandati di arresto contro il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, il ministro della Difesa, Yoav Gallant, e i leader di Hamas.

La richiesta sudafricana

La settimana scorsa il Sudafrica ha chiesto alla Corte internazionale di giustizia, che ha sede a L’Aia, di ordinare un’interruzione dell’offensiva di Israele a Gaza, e a Rafah in particolare, affermando che ciò era necessario per garantire la sopravvivenza del popolo palestinese. Le decisioni della corte in passato sono state ignorate, poiché il massimo organo legale dell’Onu non ha modo di far rispettare le sue decisioni, ma hanno un peso internazionale. Il tribunale può anche chiedere che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite agisca per suo conto. Una sentenza contro Israele potrebbe peggiorare il suo isolamento politico dopo le recenti evoluzioni.

Israele ha suggerito che si opporrà a qualsiasi ordine di smettere di combattere. “Nessun potere sulla Terra fermerà Israele nel proteggere i suoi cittadini e fermare Hamas a Gaza“, ha detto un portavoce, Avi Hyman, ai giornalisti. La scorsa settimana, nell’ambito della sua difesa presso la corte, Israele ha definito la sua operazione militare a Rafah, al confine tra Gaza e l’Egitto, “limitata e localizzata”. Ha sostenuto che i giudici della Corte non dovrebbero bloccare le azioni di Israele a Gaza. Gli avvocati del Sudafrica hanno detto che l’offensiva israeliana a Rafah è “l’ultimo passo verso la distruzione di Gaza e del popolo palestinese”.

Israele ha affrontato sempre più problemi sul palcoscenico internazionale negli ultimi giorni. Mercoledì 22 maggio, dopo che Irlanda, Norvegia e Spagna hanno detto di voler riconoscere lo Stato palestinese, il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, Jake Sullivan, ha espresso preoccupazione per l’isolamento di Israele. “Come Paese che difende con forza Israele nei forum internazionali come le Nazioni Unite, abbiamo certamente visto un crescente coro di voci, comprese quelle che in passato avevano sostenuto Tel Aviv, spostarsi in un’altra direzione”. L’esercito israeliano sta combattendo attualmente a Rafah, espandendo la sua campagna contro Hamas in un’operazione iniziata il 6 maggio, quando l’esercito ha dichiarato che stava conducendo una “operazione limitata” contro i battaglioni dei militanti nella città.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Paranoia, forse abbiamo capito da dove arriva

Un recente studio condotto da un gruppo ricercatori dell'Università di Yale ha identificato l'area del cervello che potrebbe essere...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img