venerdì, Ottobre 7, 2022

Che cos'è il quiet quitting

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Lavorare il necessario per non perdere il posto di lavoro, rifiutarsi di fare straordinari, aderire a progetti e assumersi responsabilità che non rientrano strettamente nell’orario di lavoro e nelle mansioni indicate sul contratto. È un fenomeno sempre più diffuso, che sui social è diventato virale nelle ultime settimane con il nome di quiet quitting, ovvero “abbandono silenzioso”. Su TikTok, l’hashtag #quietquitting ha raggiunto in poco tempo 8,2 milioni di visualizzazioni. Non si tratta certo di un concetto nuovo, ma in era post-pandemica è un fenomeno sempre più visibile e sempre più stabilmente al centro del dibattito sul mercato del lavoro.

Eppure, sembra che – almeno negli Stati Uniti, dove il dibattito è in una fase più avanzata rispetto al nostro paese – il fenomeno non sia ancora stato ben compreso da tutti. In un sondaggio svolto da YouGov nel mese di agosto su un campione di mille impiegati, il 56% degli intervistati non aveva mai sentito parlare di quiet quitting, e anche tra il restante 44% c’erano opinioni discordanti sul significato dell’espressione. Chi pensava che descrivesse il minimo indispensabile del lavoro da svolgere, chi che si riferisse al rifiuto di svolgere attività extra senza compenso, chi addirittura che fosse l’atto di dare le dimissioni senza comunicarlo al datore di lavoro. 

Le cause

La verità è però che il quiet quitting è una vera e propria controtendenza rispetto alla hustle culture, che è il mito di matrice statunitense secondo il quale le persone dovrebbero dedicare tutta la propria vita al lavoro. Un mito che, secondo diversi esperti, causa il cosiddetto fenomeno del burnout, l’esaurimento.

Le cause sono diverse. Innanzitutto, è indubbio che gli anni di pandemia hanno portato molte persone a valorizzare aspetti della propria vita esterni al lavoro,. In secondo luogo, temi come burnout, salute mentale e stress patologico da lavoro sono sempre più diffusi nel dibattito pubblico.

C’è poi un’altra ipotesi piuttosto diffusa, portata avanti dalla Harvard Business Review, secondo la quale l’abbandono silenzioso non riguarda tanto la volontà dei dipendenti di lavorare di più o di meno e con maggiore o minore coinvolgimento, quanto la capacità di un manager di costruire un rapporto con gli impiegati che non li induca a non vedere l’ora di uscire dall’ufficio. Secondo il report 2022 State of global workplace di Gallup – che ogni anno fornisce dati di vario tipo sul lavoro in giro per il mondo – solo il 14% dei dipendenti in Europa può essere ritenuto davvero coinvolto nella propria attività lavorativa. La tesi della Harvard Business Review è quindi che la diffusione del fenomeno in questi mesi ha molto a che vedere con un fallimento dei manager nel conciliare gli obiettivi aziendali col benessere individuale e collettivo dei propri dipendenti. 

Si tratta di un fenomeno che sarà probabilmente sempre più diffuso, anche perché è particolarmente diffuso nella Generazione Z, per la quale non sembra essere il denaro la priorità principale sul lavoro quanto un equilibrio tra lavoro e vita privata.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Wired Next Fest, cosa seguire oggi venerdì 7 ottobre

Rita Elvira Adamo, cofondatrice della Rivoluzione delle seppie, Stefano Sotgiu, economista pubblico e promotore del progetto Bulzi, Alessia Zabatino,...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img